Cerca l'operatoreCerca informazioni
Criteri di ricerca
Cerca l'operatoreInformazioni locali
Cerca le informazioni locali

STATUTO

ANTARES Associazione Nazionale Titolari Autoscuole Riunite e Studi

ARTICOLO 1

Denominazione e simbolo

E' costituita l'Associazione Nazionale Titolari Autoscuole Riunite e Studi denominata "ANTARES" che si articola in 2 settori:

1. Autoscuole e Scuole Nautiche;
2. Studi di Consulenza per la circolazione dei mezzi di trasporto, Centri di Revisione dei veicoli ed Agenzie infortunistiche.

Il marchio è costituito dalla scritta ANTARES di colore blu lambito da un'orbita ellittica di colore arancione con tre stelle gialle di dimensioni differenti. Sotto il marchio è riprodotto il tricolore della bandiera italiana sovrastante le parole Associazione Nazionale Titolari Autoscuole Riunite e Studi.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 2

Sede – durata

L'Associazione ha durata illimitata ed ha sede in Venezia.
Il Direttivo Nazionale può istituire sedi secondarie e uffici distaccati della sede centrale.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 3

Finalità

ANTARES è una associazione senza fini di lucro.
Rappresenta gli interessi dei propri associati nei settori dell'istruzione e formazione dei conducenti, dell'educazione stradale, degli studi di consulenza, delle scuole nautiche, dei centri di revisione dei veicoli e agenzie infortunistiche.
Istituisce corsi di formazione e aggiornamento professionale per i settori rappresentati.
Istituisce un codice etico di comportamento tra gli iscritti, pianifica ed attua tutti quegli atti per la certificazione di qualità per i propri associati.
Assiste e rappresenta i propri associati nei rapporti con enti pubblici fornendo la consulenza e rappresentanza sindacale e valuta interventi di solidarietà per i propri rappresentati.
Stipula convenzioni di natura commerciale per le attività degli associati.
Cura le attività specializzate attinenti alle normative europee e nazionali in materia di educazione, sicurezza stradale, nonché il trasporto in qualsiasi forma.
Organizza manifestazioni e realizza incontri in materia di sensibilizzazione alla sicurezza stradale.
Aderisce, con delibera del Direttivo Nazionale, ad organizzazioni nazionali ed internazionali.
Può costituire centri di studio per i propri fini sociali e controlli interni.
L'Associazione ANTARES è apartitica, mantenendo la propria democratica indipendenza.
L'Associazione infine si pone come finalità etica ed assistenziale (e non lucrativa) l'aiuto ai bambini/ragazzi rimasti orfani (perdita di almeno un genitore) da incidente stradale, fornendo un sostegno concreto nella loro educazione primaria e secondaria, devolvendo parte degli introiti percepiti ed il cui marchio è formato da un segnale di obbligo (colore blu) con raffigurato al proprio interno due bambini con cartella che si tengono per mano, trattenuto alle estremità da due ali di colore blu. Il segnale stradale, sotto, è avvolto in semi-cerchio dalla dicitura ANTARES for CHILDREN di colore giallo bordato di blu.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 4

Patrimonio sociale

Il patrimonio sociale è costituito:

a) dalle quote associative;
b) da contributi volontari degli associati;
c) da contributi da parte di persone, società, enti pubblici e/o privati italiani ed esteri;
d) da eventuali donazioni e lasciti;
f) da beni mobili, mobili registrati ed immobili che l'Associazione possa ritenere di acquistare per il raggiungimento degli scopi sociali;
g) dal fondo di dotazione.

All'Associazione è vietato distribuire ai propri iscritti, anche in modo indiretto, utili o eccedenze di gestione comunque denominati, nonché fondi, riserve o capitali, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge.
L'Associazione ha l'obbligo di impiegare gli utili o le eccedenze di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 5

Esercizio sociale

L'esercizio sociale va dal 1° gennaio al 31 dicembre di ogni anno.

ARTICOLO 6

Rendiconto annuale

Il Segretario Amministrativo procede alla formazione del rendiconto economico e finanziario che va redatto con criterio di assoluta trasparenza, chiarezza e precisione, nonché improntato ad oculata prudenza, sulla base dei principi civilistici di rendicontazione (conto profitti e perdite).
Il rendiconto annuale, accompagnato dalla relazione dei Revisori dei Conti, è sottoposto, assieme al bilancio preventivo, al Direttivo Nazionale entro il mese di aprile di ogni anno per l'esame di valutazione e discussione, e successivamente per l'approvazione all'Assemblea degli iscritti.
Assieme al rendiconto dovrà essere sottoposto all'approvazione dell'Assemblea il bilancio preventivo.
Il rendiconto, la previsione di spesa e la relazione dei Revisori dei conti dovranno essere depositati in sede e pubblicati almeno 10 (dieci) giorni prima della data fissata per l'Assemblea di approvazione, sul sito associativo e a disposizione degli associati, con accesso protetto.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 7

Segretario Amministrativo

Il Segretario Amministrativo ha il compito di:

1. Gestire l'attività amministrativa, della quale risponde agli associati;
2. Effettuare i pagamenti e gli incassi dei crediti mediante appositi conti correnti bancari;
3. Seguire la raccolta delle quote associative nei tempi e nei modi previsti dallo Statuto e dal Regolamento di esecuzione;
4. Tenere aggiornato il libro degli associati, anche in modalità de-materializzata;

Il Segretario Amministrativo è, inoltre, responsabile del regolare funzionamento dell'Ufficio di Segreteria nonché della gestione del personale.
Predispone il rendiconto annuale e la previsione di spesa da sottoporre alla valutazione e discussione del Direttivo Nazionale per la successiva approvazione da parte dell'Assemblea Nazionale degli iscritti;
Sottopone al parere vincolante del Collegio dei Revisori dei Conti le delibere che dovessero comportare atti di Straordinaria Amministrazione.
Conserva gli atti, i documenti ed i libri sociali e provvede agli adempimenti fiscali, amministrativi e legali connessi.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 8

Organi associativi nazionali

Gli Organi Associativi Nazionali sono:

l'Assemblea degli iscritti;
Il Presidente;
I Segretari Nazionali di settore;
Il Direttivo Nazionale;
Il Consiglio Nazionale;
Il Collegio dei Revisori dei Conti;
Il Collegio dei Probiviri.

Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 9

Assemblea nazionale

L'Assemblea Nazionale è costituita da tutti gli iscritti in regola con il versamento della quota annuale.
L'Assemblea regolarmente costituita rappresenta l'universalità degli Associati.
Tutti gli Associati, anche se non presenti o dissenzienti, sono obbligati ad adeguarsi alle decisioni dell'Assemblea, in conformità alla legge e al presente Statuto.
L'Assemblea emana gli indirizzi generali per l'attività istituzionale e sindacale dell'Associazione e per il miglior raggiungimento degli scopi sociali.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 10

Convocazione e Svolgimento dell' Assemblea Nazionale

L'Assemblea in sede ordinaria è convocata dal Presidente almeno una volta all'anno entro il mese di aprile ed ogni qualvolta egli lo ritenga opportuno o ne faccia richiesta scritta almeno un quarto degli Associati.
La convocazione è inviata con lettera via e-mail, o altro mezzo equipollente almeno 15 (quindici) giorni prima della data fissata per la riunione.
Nell'avviso di convocazione deve essere riportato l'ordine del giorno, il luogo, la data e l'ora della riunione.
L'Assemblea è da intendersi regolarmente costituita qualunque sia il numero dei presenti e può proporre ed emanare gli indirizzi al Direttivo Nazionale con la maggioranza semplice dei presenti.
L'Assemblea, in sede Straordinaria, è convocata dal Presidente ed è validamente costituita in prima convocazione con la presenza di almeno due terzi degli Associati aventi diritto al voto, in seconda convocazione con la presenza di qualunque numero di iscritti.
L'Assemblea Nazionale è presieduta da un Presidente, designato con voto palese a maggioranza semplice, dai presenti in sala.
L'Assemblea indica uno dei presenti alla funzione di Segretario Verbalizzante.
In caso di convocazione per il rinnovo delle cariche nazionali, l'Assemblea designa un comitato composto da tre iscritti per la verifica dei poteri degli elettori nonché per lo scrutinio dei voti.
Il Presidente dell'Assemblea dirige e regola le discussioni stabilendo le modalità e l'ordine delle votazioni.
L'Assemblea approva lo Statuto sociale e sue eventuali modifiche e/o integrazioni.
Approva, altresì, i rendiconti annuali consuntivo e preventivo.

Elegge ogni tre anni:
  • Il Presidente;
  • Il Vice Presidente;
  • Il Segretario Amministrativo / Responsabile del Tesseramento;
  • Il Segretario Nazionale Autoscuole / Scuole Nautiche;
  • Il Segretario Nazionale Studi / Centri di Revisione Automobilistica / agenzie infortunistiche;
  • I tre componenti effettivi e i due supplenti del Collegio dei Revisori dei Conti;
  • I tre componenti effettivi e i due supplenti del Collegio dei Probiviri.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 11

Presidente

Il Presidente attua l'attività politica dell'Associazione e la rappresenta presso Enti, Amministrazioni e Istituzioni Nazionali ed Internazionali.
Presiede le sedute del Direttivo Nazionale.
Al Presidente sono attribuiti i poteri di:

1. Convocare l'Assemblea Nazionale, il Direttivo Nazionale e il Consiglio Nazionale;
2. Indire le elezioni per il rinnovo delle cariche sociali nazionali;
3. Sovrintendere alla corretta e regolare attuazione delle delibere approvate dal Direttivo Nazionale e le proposte ed emanazione degli indirizzi espressi dal Consiglio Nazionale e dell'Assemblea degli iscritti;
4. Conferire mandati e nominare procuratori per determinati atti.

Al Presidente spetta la firma per qualunque atto e contratto ed ha la rappresentanza legale dell'Associazione di fronte ai terzi con facoltà di agire e resistere in giudizio nominando avvocati e procuratori alle liti.
Può compiere operazioni presso la Pubblica Amministrazione e/o Enti ed Istituti di Credito.
In caso di dimissioni o di impedimento permanente del Presidente, assume la carica ad interim il Vice Presidente che convocherà entro 30 giorni l'Assemblea degli iscritti per indire le nuove elezioni.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 12

Segretari Nazionali di Settore

I 2 Segretari Nazionali sono responsabili dei propri settori e promuovono ed attuano presso le Sedi Istituzionali, tutte le azioni utili a salvaguardare gli interessi delle categorie di competenza.

In particolare:
  • Collaborano con il Presidente per la promozione di iniziative sociali per gli iscritti;
  • Programmano l'attività tecnica dei rispettivi settori con indicazioni e proposte utili al raggiungimento degli scopi statutari.
I 2 Segretari Nazionali di settore istituiscono distintamente le proprie Segreterie destinate allo studio di problematiche legate all'attività professionale del settore di competenza.
Ogni segreteria nazionale di settore è composta dal Segretario nazionale, e uno staff di massimo 5 componenti che possono essere anche esterni all'associazione, conferendo loro le deleghe.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 13

Direttivo Nazionale

Il Direttivo Nazionale è composto da:
  • il Presidente;
  • il Segretario Nazionale Autoscuole / Scuole Nautiche;
  • il Segretario Nazionale Studi / Centri di Revisione Automobilistica / agenzie infortunistiche;
  • il Segretario Amministrativo / Responsabile del Tesseramento.
Il Direttivo Nazionale è l'organo esecutivo e di governo dell'Associazione.
Attua le indicazioni dell'Assemblea degli iscritti e del Consiglio Nazionale.
E' convocato dal Presidente almeno una volta l'anno.
In caso di votazione in pareggio, il voto del Presidente vale doppio.
Il Direttivo Nazionale delibera:
  • La spesa delle attività per il raggiungimento degli scopi sociali;
  • L'assegnazione di eventuali incarichi e relativi compensi a consulenti esterni in funzione dei compiti a loro affidati;
  • L'assunzione di personale per l'Ufficio di Segreteria proposta dal Segretario Amministrativo;
  • L'ammontare della quota associativa nazionale annuale;
  • Il regolamento di esecuzione dello Statuto e sue eventuali modifiche e/o integrazioni.
Il Presidente può convocare il Collegio dei Revisori dei Conti per conoscere l'andamento della gestione amministrativa.
Può, inoltre, convocare consulenti ed esperti.
Ai componenti il Direttivo Nazionale spetta un compenso o gettone remunerativo per le attività svolte per i loro specifici incarichi, determinato dal Direttivo Nazionale e approvato dal Consiglio Nazionale a maggioranza semplice.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 14

Consiglio Nazionale

Il Consiglio Nazionale è composto da:
  • Il Vice Presidente dell'Associazione, che lo presiede;
  • I Responsabili Territoriali;
  • I Segretari Provinciali e/o di Città Metropolitana.
Il Consiglio Nazionale è convocato dal Presidente dell'Associazione, almeno una volta l'anno e/o ogni qualvolta egli lo ritenga necessario.

- Promuove e coordina l'azione sindacale dell'Associazione, fornendo gli indirizzi programmatici al Direttivo Nazionale.
- Discute e ratifica le linee programmatiche delle attività di settore:
Autoscuole / Scuole Nautiche
Studi / Centri di Revisione Automobilistica / agenzie infortunistiche;
- Promuove iniziative di solidarietà previste dallo Statuto.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 15

Collegio dei Revisori dei Conti

Il Collegio dei Revisori dei Conti accerta la regolare tenuta della contabilità e verifica la corretta gestione della stessa da parte del Segretario Amministrativo. Nell'esercizio della propria funzione, i Revisori possono in qualsiasi momento procedere, anche individualmente, ad atti d'ispezione e di controllo dei libri contabili, delle spese e dei movimenti bancari.
Il Collegio dei Revisori si riunisce, convocato dal suo Presidente, almeno una volta l'anno e/o ogni qualvolta egli lo ritenga necessario.
Il Collegio dei Revisori esamina il rendiconto ed esprime al riguardo il proprio parere in sede di riunione del Direttivo Nazionale.
Il Collegio dei Revisori si compone di 3 (tre) componenti effettivi e 2 (due) supplenti.
I componenti effettivi nominano il Presidente del collegio e ne danno comunicazione al Direttivo Nazionale.
In caso di dimissioni o decadenza dall'incarico di Presidente, il Collegio reintegrato con un revisore supplente, procede alla nomina del nuovo Presidente.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 16

Collegio dei Probiviri

Il Collegio dei Probiviri è competente a giudicare in primo grado le infrazioni disciplinari commesse dagli iscritti e da chi ricopre cariche a qualsiasi livello.
Il Collegio dei Probiviri si compone di 3 (tre) componenti effettivi e 2 (due) supplenti.
I componenti effettivi nominano il Presidente del Collegio e ne danno comunicazione al Direttivo Nazionale.
In caso di dimissioni o decadenza dall'incarico di Presidente, il Collegio reintegrato con un proboviro supplente, procede alla nomina del nuovo Presidente.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 17

Responsabili Territoriali

I Responsabili Territoriali sono così suddivisi:

1) Nord – Ovest (Valle d'Aosta, Piemonte, Liguria e Lombardia);
2) Nord – Est (Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Veneto, Emilia Romagna e Marche);
3) Centro (Toscana, Lazio, Abruzzo, Umbria);
4) Sud (Campania, Calabria, Basilicata, Molise e Puglia);
5) Sicilia;
6) Sardegna.

Vengono nominati dal Direttivo Nazionale e durano in carica 3 (tre) anni.
Collaborano con i Segretari Provinciali e/o di Città Metropolitana diffondendo sul territorio gli indirizzi degli Organi Statutari, promuovendo le attività di interesse per le categorie rappresentate.
In caso di dimissioni o altra causa, il posto vacante viene ricoperto ad interim dal Presidente dell'Associazione fino a nuove nomine.
I Responsabili Territoriali fanno parte del Consiglio Nazionale dell'Associazione.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 18

Segreteria Provinciale e/o di Città Metropolitana

La Segreteria Provinciale e/o di Città Metropolitana è costituita su iniziativa autonoma di almeno 3 (tre) iscritti.
La costituzione di ogni Segreteria è sottoposta a ratifica del Direttivo Nazionale.
L'eventuale delibera di mancata ratifica, che dovrà avvenire non oltre i 30 (trenta) giorni dalla data di ricezione della richiesta di costituzione, verrà inviata al domicilio del richiedente con lettera raccomandata o ogni altra forma legale equipollente e non è soggetta ad impugnativa.
Le Segreterie Provinciali e/o di Città Metropolitana sono amministrativamente autonome e possono sottoscrivere protocolli di intesa con istituzioni, enti e partners a livello locale.
Gli eventuali contributi o lasciti riconosciuti alle Segreterie, dovranno essere introitati attraverso la Segreteria Amministrativa Nazionale che, dopo aver trattenuto le somme delle quote parti previste dal Regolamento di Esecuzione del presente Statuto, provvederà all'inoltro del saldo agli aventi diritto, che ne faranno richiesta scritta, con idonea documentazione a corredo.
Sono Organi Provinciali e/o di Città Metropolitana:
  • Le Assemblee Provinciali, presiedute dai Segretari:
  • il Segretario Provinciale e/o di Città Metropolitana per i settori Autoscuole / Scuole Nautiche;
  • il Segretario Provinciale e/o di Città Metropolitana per i settori Studi / Centri di Revisione Automobilistica / Agenzie infortunistiche.
I Segretari Provinciali e/o di Città Metropolitana fanno parte del Consiglio Nazionale dell'Associazione.
Le Segreterie possono essere rappresentate anche da un unico Segretario Locale.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 19

Assemblea Provinciale e/o di Città Metropolitana

L'Assemblea Provinciale e/o di Città Metropolitana elegge ogni tre anni:
  • I Segretari o Segretario Provinciale e/o di Città Metropolitana;
Sulla base delle indicazioni che pervengono dall'Assemblea degli iscritti, il/i Segretaro/i Provinciale e/o di Città Metropolitana promuove/ono a livello locale, azioni utili alla salvaguardia ed alla promozione della categoria.
L'Assemblea Provinciale delibera la quota associativa locale entro il 30 Novembre di ciascun anno. L'Assemblea di settore in sede Ordinaria è convocata dal Segretario Locale almeno una volta all'anno ed ogni qualvolta egli lo ritenga opportuno o ne faccia richiesta per iscritto almeno un quarto degli Associati.
La convocazione avviene con lettera via e-mail, o altro mezzo almeno 5 (cinque) giorni prima della data fissata per la riunione.
Nell'avviso di convocazione va riportato l'ordine del giorno, la data, l'ora ed il luogo stabilito per la riunione.
L'Assemblea di settore in sede Ordinaria è da intendersi regolarmente costituita qualunque sia il numero dei partecipanti e può deliberare con la maggioranza semplice dei presenti.
L'Assemblea in sede Straordinaria, è validamente costituita in prima convocazione con la presenza di almeno due terzi degli iscritti aventi diritto al voto, in seconda convocazione sarà ritenuta valida con gli associati presenti.
L'Assemblea di settore Provinciale e/o di Città Metropolitana è presieduta e coordinata dal Segretario Locale o, in sua assenza, dall'Associato più anziano di età.
Essa si riunisce per deliberare:
  • Sull'attività e gli indirizzi generali della politica in ambito Locale, in armonia con le linee guida determinate dai competenti Organi nazionali;
  • Le proposte da inoltrare agli Organi Statutari;
  • Gli eventuali rimborsi spese e/o gettone remunerativo dei Segretari Locali.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 20

Segretari Provinciali e/o di Città Metropolitana

I Segretari Provinciali e/o di Città Metropolitana rappresentano l'Associazione nell'ambito territoriale di competenza e ne promuovono l'attività politica e tecnica dei 2 settori.
Gli sono attribuiti i poteri di:
  • Coordinare la vita socio-organizzativa nel territorio di competenza;
  • Definire la linea associativa a livello locale, nel quadro degli indirizzi generali fissati a livello nazionale e territoriale.
  • Convocare e presiedere le Assemblee degli iscritti;
  • Rappresentare gli Associati nei settori Autoscuole / Scuole Nautiche e Studi / Centri di Revisione Automobilistica / Agenzie infortunistiche;
  • Gestire il tesseramento, l'attività economica della Segreteria e la quota associativa locale per lo svolgimento delle attività sul territorio.
I Segretari Provinciali e/o di Città Metropolitana hanno diritto al rimborso delle spese sostenute per lo svolgimento dell'attività associativa su delibera dell'Assemblea degli iscritti.
Possono organizzare incontri formativi, riunioni ed assemblee per gli associati in regola con il versamento della quota associativa, anche in strutture o sedi diverse dai locali laddove è consuetudine il ritrovo, provvedendo al pagamento di eventuali oneri di spesa di qualsiasi natura essi siano e utilizzando esclusivamente fondi nella disponibilità di cassa della Segreteria locale.
Nel caso di dimissioni o altra causa di decadenza, la carica rimasta vacante sarà ricoperta ad interim da un Associato indicato dall'Assemblea con il compito di convocare, entro 30 (trenta) giorni, l'Assemblea degli iscritti per una nuova elezione del Segretario di settore.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 21

Requisiti e Modalità di Ammissione

Il numero degli iscritti è illimitato.
Possono chiedere l'iscrizione all'Associazione in qualità di Associati Ordinari: il titolare, il legale rappresentante di imprese, che svolgono le attività di:
  • Autoscuola (art. 123 C.d.s. Decreto L.vo 30.4.1992 n. 285 e s.s.m.ed integrazioni);
  • Scuola Nautica;
  • Studio di Consulenza per la Circolazione di Mezzi di Trasporto (art. 3 – Legge 8.8.1991 n. 264 e successive modificazioni ed integrazioni);
  • Consorzio di Autoscuole che abbia costituito un Centro di Istruzione (art. 335 Reg. C.d.s. DPR 16.12.1992 n. 495 e s.s.m. ed integrazioni);
  • Associazione Nautica, riconosciuta in conformità a quanto previsto dal D.M. 25.02.2009 n. 389, D.M. 3 Giugno 2014 e s.s.m. ed integrazioni);
  • Centro di Revisione dei Veicoli;
  • Agenzie infortunistiche;
L'ammissione all'Associazione viene rilasciata tramite domanda scritta dell'interessato su apposito modulo predisposto dalla Segreteria Amministrativa Nazionale.
Nella domanda il richiedente dichiara di essere a conoscenza delle disposizioni contenute nel presente Statuto, nonché del Regolamento di Esecuzione e delle deliberazioni già adottate dagli organi dell'Associazione e di accettarle.
Il richiedente indicherà inoltre il o i settori:

a) Autoscuole / Scuole Nautiche;
b) Studi di consulenza per la Circolazione dei Mezzi di Trasporto / Centri di Revisione dei Veicoli / Agenzie infortunistiche.

Versa la quota associativa nazionale contestualmente alla richiesta di iscrizione.
La domanda di ammissione si intende accolta, a meno che non sia respinta con determina del Segretario Amministrativo - Responsabile del Tesseramento.
La determina del Segretario Amministrativo che respinge la domanda di ammissione, dovrà essere adottata entro 30 (trenta) giorni dalla data di ricezione dalla richiesta e inviata a mezzo lettera raccomandata o ogni altra forma legale al domicilio del richiedente e per conoscenza al o ai Segretari Provinciali e/o di Città Metropolitana.
La determina del Segretario Amministrativo non è soggetta ad impugnativa.
Il Segretario amministrativo provvederà al rimborso della quota versata.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 22

Gli Associati

Gli iscritti all'associazione sono:

a) I soci fondatori;
b) I soci ordinari;
c) I soci onorari.

I soci fondatori sono i soggetti che hanno costituito l'Associazione ANTARES e saranno iscritti in un apposito Registro.
I soci ordinari sono tutti gli iscritti, compresi i soci fondatori, appartenenti ad uno o all'altro settore, in regola col pagamento della quota sociale annuale.
I soci onorari sono, su delibera del Direttivo Nazionale: persone, enti e associazioni che hanno contribuito concretamente alla crescita dell'Associazione o ai quali sono stati riconosciuti particolari meriti nel raggiungimento delle finalità previste dallo Statuto.
I soci onorari non sono soggetti al pagamento della quota associativa e possono partecipare attivamente alla vita associativa con diritto di voto.
L'iscrizione, la variazione del titolare e/o del legale rappresentante, il trasferimento della sede, va immediatamente comunicata alla Segreteria Amministrativa Nazionale.
Il domicilio dell'iscritto è la sede sociale dell'impresa, così come previsto dall'art. 43 del Codice Civile.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 23

Quota Associativa e Tesseramento

La quota associativa vale per un anno solare ed è suddivisa in :

a) quota nazionale;
b) quota locale.

Entro il 31 Ottobre di ciascun anno, il Direttivo Nazionale delibera la quota annuale di spettanza nazionale.
Il tesseramento è aperto dal 1° gennaio al 31 Marzo di ogni anno.
Dopo tale termine l'associato è considerato inadempiente e, nel caso ricopra incarichi a qualsiasi livello, decade da tale funzione.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 24

Diritti e Doveri degli Iscritti e Rapporti con l'Associazione

Gli iscritti partecipano all'attività dell'Associazione in tutte le sue espressioni ed esercitano il diritto di elettorato attivo e passivo alle elezioni degli Organi Statutari.
Ogni iscritto è tenuto, nello svolgimento di attività inerenti allo scopo associativo, al rispetto delle norme Statutarie, del Regolamento di Esecuzione e alle delibere approvate dagli Organi Statutari.
Ogni iscritto si impegna alla massima lealtà nei confronti dell'Associazione ed al rispetto del codice di deontologia professionale.
L'Ufficio di Segreteria Amministrativa Nazionale aggiorna e conserva il registro generale degli iscritti, dandone comunicazione al o ai Segretari Provinciali e/o di Città Metropolitana di competenza.
Ogni iscritto ha diritto di consultare l'elenco degli associati della Segreteria Provinciale e/o di Città Metropolitana di appartenenza.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 25

Recesso

L'iscritto può chiedere in qualunque momento di recedere dall'Associazione in caso di cessazione dell'attività o per altri motivi.
Il recesso deve essere comunicato con lettera via e-mail o altro mezzo alla Segreteria Amministrativa Nazionale che è tenuta a darne immediata comunicazione al o ai Segretari Provinciali e/o di Città Metropolitana di competenza.
Il recesso ha effetto immediato ed estingue eventuali procedimenti in corso innanzi al Collegio dei Probiviri.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 26

Procedimento Disciplinare

Quando 5 (cinque) iscritti all'Associazione ritengono sia stata violata da parte di un associato una norma del presente Statuto ovvero sia stato commesso un atto comunque lesivo della integrità morale dell'Associazione, possono avanzare richiesta scritta al Collegio dei Probiviri per l'apertura di un procedimento disciplinare.
Il Collegio decide in base alle responsabilità accertate, previa contestazione degli addebiti all'iscritto interessato ed acquisizione degli eventuali argomenti di difesa prodotti dallo stesso.
Il Collegio è tenuto a pronunciarsi entro il termine perentorio di 60 (sessanta) giorni a partire dalla data di ricezione della richiesta di apertura del procedimento disciplinare.
Le decisioni deliberate vengono depositate presso il Direttivo Nazionale e ciascun iscritto può prenderne visione.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 27

Ricorsi

Gli iscritti oggetto di sanzione disciplinare hanno facoltà di presentare ricorso motivato per iscritto al Direttivo Nazionale, non oltre 60 (sessanta) giorni dalla data di ricezione del provvedimento disciplinare.
Il Direttivo Nazionale dichiarerà la inammissibilità del ricorso se inoltrato oltre i termini previsti dal presente articolo.
Il Direttivo Nazionale è tenuto a pronunciarsi entro il termine perentorio di 30 (trenta) giorni dalla data di ricezione del ricorso. In assenza di decisione o decadenza dei termini per l'emissione del provvedimento, il ricorso è da intendersi accolto.
Le decisioni deliberate sono depositate presso l'Ufficio di Presidenza Nazionale e ciascun iscritto può prenderne visione.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 28

Le Misure Disciplinari

Le misure disciplinari sono:

a. Il Richiamo all'associato;
b. La sospensione dall'incarico ricoperto;
c. La destituzione dall'incarico ricoperto;
d. L'espulsione dall'Associazione.

Il richiamo viene comminato per fatti di lieve entità e deve essere comunicato per iscritto.
La sospensione e/o la destituzione dall'incarico ricoperto è inflitta per gravi mancanze, oppure in caso di recidiva, o in caso di svolgimento di attività contrarie alle direttive impartite dagli Organi dell'Associazione o per inosservanza delle norme Statutarie e del relativo Regolamento di Esecuzione. La comunicazione del provvedimento dovrà avvenire in forma legale per iscritto.
L'espulsione viene comminata per gravi infrazioni quali:
  • comportamenti contrari alle leggi o al codice di deontologia professionale;
  • danni morali e materiali verso l'Associazione.
L'espulsione può avvenire solamente con delibera del Direttivo Nazionale che per iscritto ed in forma legale provvederà alla notifica del provvedimento all'interessato.

L'Associazione per tramite del Direttivo nazionale e del Collegio dei Probiviri, istituisce e gestisce un servizio di controllo interno degli iscritti per la verifica di comportamenti in contrasto con le norme di legge.
Torna all'indice Statuto

ARTICOLO 29

Incompatibilità

I Componenti del Direttivo Nazionale, del Consiglio Nazionale, del Collegio dei Revisori dei Conti e del Collegio dei Probiviri non possono ricoprire altre cariche a qualsiasi livello.
Deroghe alle presenti disposizioni possono essere applicate per:
  • situazioni particolari deliberate dal Direttivo Nazionale.
  • Torna all'indice Statuto

    ARTICOLO 30

    Elezioni e Durata delle Cariche

    Tutti gli associati possono ricoprire cariche sociali.
    Le cariche elettive hanno durata di tre anni.
    Le nomine decadono assieme alle cariche elettive.
    Per l'ammissione alla candidatura di cariche elettive a qualsiasi livello, l'associato dovrà dimostrare di essere iscritto all'Associazione e di aver versato la quota associativa annuale entro i termini previsti dal presente Statuto.
    Si può essere eletti alla stessa carica per un massimo di due mandati triennali consecutivi.
    In caso di vacanza del Presidente dell'Associazione, ne assume le funzioni il vice.
    In caso di vacanza dei Segretari di Settore, ne assume le funzioni il designato in ambito dei componenti le rispettive segreterie.
    Se risulta vacante la carica di Responsabile Territoriale, assume l'interinato il Presidente dell'Associazione.
    Per le altre cariche, si dovrà provvedere all'immediato reintegro entro 30 (trenta) giorni con nuove elezioni.
    La candidatura alle cariche nazionali deve pervenire con lettera sottoscritta o ogni altra forma predisposta dall'Ufficio di Presidenza Nazionale, presso quest'ultima almeno 10 (dieci) giorni prima della data delle elezioni.
    I candidati alle cariche nazionali possono presentare una sola candidatura.
    Le candidature alle cariche di Segretari Provinciali e/o di Città Metropolitana si possono presentare entro il 3° giorno antecedente le rispettive elezioni.
    I titolari di tutte le cariche elettive, assenti ingiustificati per tre volte consecutive alle riunioni dell'organo di appartenenza, decadono dalla carica.
    Torna all'indice Statuto

    ARTICOLO 31

    Votazioni, delibere e verbali

    La votazione palese è la regola e può svolgersi per appello nominale, per alzata di mano e per acclamazione.
    Si ricorre allo scrutinio segreto quando è richiesto dalla metà più uno degli aventi diritto al voto.
    Le elezioni per le cariche sociali si effettuano a scrutinio segreto, fatta eccezione nel caso in cui esista un solo candidato.
    Le schede bianche, quelle nulle e quelle illeggibili concorrono alla formazione del numero dei votanti.
    Salvo nei casi espressamente previsti dallo Statuto, gli Organi nazionali e territoriali deliberano a maggioranza semplice dei presenti.
    A parità di voti prevale quello di chi presiede sia a livello nazionale sia territoriale.
    Ogni associato ha diritto ad un voto e non sono quindi consentite deleghe.
    I candidati, prima delle votazioni, possono presentare le proprie linee programmatiche.
    I verbali delle Assemblee degli iscritti, del Direttivo Nazionale, del Consiglio Nazionale, nonché i verbali redatti dal Collegio dei Revisori dei Conti e dal Collegio dei Probiviri, sono raccolti in appositi libri presso l'Ufficio di Presidenza, sottoscritti in maniera leggibile da chi li ha presieduti, dal Segretario verbalizzante e da almeno tre presenti.
    Dovranno essere resi disponibili in visione degli associati che ne faranno richiesta scritta, ed in ogni caso inviati ai componenti tali Organi Associativi, come previsto dalle norme vigenti in materia, anche in modalità de-materializzata.
    Torna all'indice Statuto

    ARTICOLO 32

    Scioglimento e liquidazione

    In caso di scioglimento dell'Associazione, l'Assemblea degli iscritti, convocata in forma Straordinaria, nomina uno o più liquidatori.
    L'Assemblea Straordinaria delibera le modalità di scioglimento e liquidazione dell'Associazione. Il patrimonio residuo dopo la liquidazione sarà devoluto ad altre associazioni aventi finalità analoghe, salvo diverse disposizioni imposte dalla legge.
    Torna all'indice Statuto

    ARTICOLO 33

    DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI

    Per tutto quanto non previsto dal presente Statuto si fa riferimento alle norme del Codice Civile e alle leggi che disciplinano le Associazioni.
    Fa parte integrante del presente Statuto il Regolamento di Esecuzione.
    Torna all'indice Statuto
    ANTARES - Associazione Nazionale Titolari Autoscuole Riunite e Studi
    Via Calucci 1/M - 30174 Venezia - Mestre - Tel. 392.01.64.704 - Fax 041 99.26.10
    assoantares@assoantares.it
    C.F. 90169500270